Sessuologia e disturbi sessuali

Sessuologia e disturbi sessualiLa sessuologia si occupa dei disturbi sessuali e del mondo di approcciarsi con il partner perché si possa stabilire una relazione libera dai quei problemi che possono intervenire nel disturbare il ménage della sfera intima e di conseguenza anche sentimentale.
Sessuologia e disturbi sessuali vanno quindi considerati come un "unicum" in vista della terapia riabilitativa di tipo prettamente psicosessuale.

La figura del sessuologo, infatti, non è definita in modo preciso se non in rapporto alla psicologia e alla sessuologia clinica.
Per lo studio delle disfunzioni e dei disturbi sessuali concorrono anche altre dottrine quali la medicina, l'antropologia, la sociologia, la pedagogia, ecc, in quanto sono da considerate influenzati da altrettanti aspetti culturali, sociali, biologici, eziologici, educativi.
L'approccio multi disciplinare della sessuologia ai disturbi sessuali deve quindi considerare molteplici aspetti dello stesso problema con i vari contributi specifici.
La sessuologia e i disturbi sessuali sono in relazione a due grandi campi di studio: le disfunzioni sessuali e le parafilie cioè le perversioni sessuali (pedofilia, pauperismo, sadomasochismo, feticismo, voyeurismo, ecc).
I problemi sessuali interferiscono pesantemente sia nella vita intima delle persone che in quella di relazione, impedendo di esprimersi liberamente e di avvertire un elevato grado di frustrazione. In altri casi impediscono di fatto di avere una vita sessuale.
Le cause dei disturbi sessuali sono tuttavia relativi a molteplici aspetti che possono riguardare questioni organiche e fisiologiche che sono di competenza prima di tutto medica, ma anche disfunzioni individuali psicogene, conflitti all'internò della coppia, difficoltà nella capacità di relazione.
La sessuologia e i disturbi sessuali sono quindi da intendersi in modo molto ampio e possono riguardare:

- l'assenza di desiderio, di eccitazione e di piacere
- la disfunzione erettile
- l'eiaculazione precoce, tardiva e/o dolosa
- l'impossibilità di raggiungere l'orgasmo per uomo e per donna
- l'avversione sessuale
- l'assenza di eccitazione sia nell'uomo che nella donna
- le fobie sessuali
- la dispareunia cioè il dolore durante il rapporto sessualevaginismo
- il disturbo d'identità di genere
- i problemi sessuali riferiti al rapporto omosessuale

Il campo di studio è quindi molto vasto e, per quanto riguarda le disfunzioni in riferimento ai disturbi nel rapporto omosessuale, si parla di difficoltà ad accettare la propria identità sessuale e del malessere dato dall'identificazione con il sesso opposto.
La sessuologia e i disturbi sessuali riguardano coloro che hanno bisogno di un aiuto per risolvere in modo definitivo le loro disfunzioni e senza più che si ripresentino nella sfera sessuale e nella vita di relazione, anche cambiando partner.
Il problema di fondo che accomuna tutti i disturbi sessuali è quindi l'assenza adeguata di una risposta allo stimolo o un'anomalia rispetto al desiderio sessuale provato per soggetti fuori dal comune (bambini o anche oggetti inanimati, associati a pratiche erotiche anomale o portate alle estreme conseguenze).
L'intervento della sessuologia nei disturbi sessuali consiste nell'affrontare in modo collaborativo il problema insieme al paziente o alla coppia in seduta comune.
Il modello terapeutico a cui si fa riferimento è quello di tipo costruttivista o cognitivo comportamentale.
In genere entrambi gli approcci hanno successo anche in tempi relativamente brevi. Il sessuologo, infatti, agisce tramite l'assegnazione di alcuni "compiti" o modelli di comportamento sessuale che si associano ai singoli disturbi. Si tratta di mettere in atto delle indicazioni che possano ripristinare l'attività sessuale in modo graduale, riferiti sia al singolo che alla coppia. Non di rado è utile associare anche una terapia per la stessa coppia o un counseling relazionale. La sessuologia interviene anche sulla riformulazione dei pensieri e delle convinzioni del paziente che portano alla disfunzione sessuale, includendo anche un'eventuale terapia farmacologica.
Per quanto invece riguarda i disturbi degli omosessuali è la terapia cognitivo comportamentale quella d'elezione per aiutare il paziente ad affrontare una serie di pregiudizi di tipo sia sociale che culturale o religioso, rasserenandolo rispetto alla sua identità sessuale.

Sito creato e di proprietà di Evo Sistemi di Cirone Simone - Via del minatore n° 8 - 06100 - Perugia - P.Iva 02949240549 C.Fis CRNSMN76M28D653B info@evosistemi.com NOTA BENE: Evo Sistemi si occupa solo di creazione di siti web e non si occupa di psicologia.Tutte le consulenze saranno effettuate da Psicologi iscritti all'albo. La Evo Sistemi non è responsabile delle consulenze erogate da tali psicologi. Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari; marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e società citati possono essere marchi di proprietà dei rispettivi titolari o marchi registrati di altre società e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti.